Blogs

Nostalgija

SANY4859.JPG

Vodenica

SANY4845.JPG

Vittorio e il mulino sulla Una (the Una water mill in Bihać)

SANY4856.JPG

Great! Now I can upload pics, so here is one for Vittorio, at the old mill in the city centre. In the background, by "chance", a drawing of the wtaerfalls in Martin Brod where we are going later in the afternoon.

rituali quotidiani

Considerazioni su
un VIAGGIO
luoghi di partenza / arrivo / attraversamento
l’ARTE di MANGIARE (’nutrire’)
vabbè io sono più convinta del vino come fonte della vita (cosa personale..:) .. né parlare della carne ..
il RITUALE
momenti di rituale - appartengono ai momenti di festa / di trasgressione
_________________________________________
e questo è bellissimo ..
RITUALE / RITO
(citato) (esaltazioni sono miei – ma qui non si mostrano)
Con il termine rito (o rituale) si intende ogni atto, o insieme di atti, che viene eseguito secondo norme codificate. I riti sono strettamente connessi con la religione, il mito (si dice che il rito riassume e riattualizza il mito) e la sfera del sacro: ogni rito religioso svolge la funzione di rendere tangibile e ripetibile l'esperienza religiosa, sottraendola alla dimensione tutta privata della mistica. Tramite il rituale, soprattutto all'interno della celebrazione di una festa, le varie componenti religiose come i miti, le prescrizioni, le formule, divengono reali e normative per tutti i partecipanti. L'uomo religioso affida al rito i momenti più critici della sua esistenza personale e della collettività di cui fa parte, come ad esempio la nascita, la morte, il raggiungimento della pubertà, la guerra, cercando in esso la garanzia del mantenimento della propria identità e di quella della comunità di appartenenza.
...
Uno dei principali studiosi del rito è stato Ernesto de Martino: secondo l'antropologo italiano il rito aiuta l'uomo a sopportare una sorta di "crisi della presenza" che esso avverte di fronte alla natura, sentendo minacciata la propria stessa vita. I comportamenti stereotipati dei rito offrono rassicuranti modelli da seguire, costruendo quella che viene in seguito definita come "tradizione".
___________________________________________
PS.
E che altra cosa posso dire? (citato del Flash Art ..:)
' vita e arte sono intrecciate indissolubilmente '
___________________________________________

rinfrescare la pastaMadre prima....e poi....fare il pane!!! ;)

Se avete con voi circa 50 grammi di pastaMadre, il rinfresco deve essere effettuato ogni 2 o 3 giorni massimo e d´estate in frigo (nei paesi piú caldi).
La pastaMadre deve rappresentare sempre un quantitá del 25/30 % massimo. Cosí come per l´utilizzo nella panificazione. Quindi con un esempio piú concreto...per rinfrescare i nostri 50 gr. unire 200 gr. di farina e acqua a sufficienza...ed é fatto!!!

Naturalmente, se dovete fare 2 kg di pane la pastaMadre deve essere proporzionale alla quantitá della farina, cosí per 2 kg dovreste arrivare ad avere almeno 5/600 gr di pastaMadre. Per ottenerla dovrete rinfrescare la pastaMadre piú volte, con un minimo di tempo di 6 ore da una rinfrescata all´altra.

Ma....c´é un ma...se non dovete fare il pane....rischiate di ritrovarvi con montagne di pastaMadre...quindi consiglio di conservarlo sott´olio co´sí da poterlo conservare anche 10/15 giorni.

> Attenzione: se volete continuare ad utilizzare e conservare la pastaMadre conservatene sempre un pezzetto prima di mescolarlo all´impasto per il pane. Alla pastaMadre non va aggiunto altro se non acqua e farina. Utilizzare recipienti in vetro o in ceramica per la conservazione e cucchiai in legno o le mani per il rinfresco.

Nella panificazione per fare 1 Kg. di pane servirebbero 250/300 gr di pastaMadre e 25 gr (un cucchiaio raso equivale a circa 20 grammi) di sale piú un po´ d´olio....impastare (trombare) far crescere la pezzatura (forma) ed infornare dopo circa 4/6 ore.

Infornate e mangiatene tutti!!!

Tempi e temperature:
Dipende sempre dal tipo di forno che si utilizza!
Se avete un forno che vi segna temperatura e tempi...meglio...altrimenti vale l´esperienza, la pratica, la fortuna, il caso...o qualche preghiera...
Insomma le temperature sono queste:
infornare il pane a forno caldo 210 gradi (max 220) e tenere la temperatura per 10-15 minuti per imprimere doratura e consistenza alla scorza;

more to come..

PS. oggi ho rinfrescato la pasta, Carlo mi ha dato più istruzioni come farlo ..

ho recuperato la chiave, avete lasciato tutto troppo in ordine !!

Grazie per tutto e buon divertimento a Praga!!

Walter chez moi...

SANY4841.JPG

My messy little flat doesn't look so bad in a photo :-)

Here is Pasta Madre getting a beauty treatment after the first stage of the journey, before we head for the Bihać watermill to buy flour.

(* there is a nice photo which should go here... but after having tried to upload it for half an hour I have to give up... wbtmaster, help!)

sperimentiamo, sperimentiamo!

It's Jasna from around Zagreb. :) Last night I fed your piece of pastaMadre and it grew immensely until this morning. The bread that was baked in the middle of the week was all incredibly gone. My parents ate all their bread likewise (one mine and half of yours), so I guess it's time to make some more. I'm about to grind some flour and make a batch of dough to be baked this evening. Somehow I decided for this enterprise to use the piece of the pastaMadre that you left here. :) Hope you guys are fine, baking and making acquaintances with the world. It was nice having you here! And whenever again you wish to, just drop by!

[pastaMadre] v Praze // [pastaMadre] in Prague

We're creating this event in Prague: http://www.couchsurfing.com/meetings.html?mid=32390
Rolf

Some pasta madre left Bihać for Banja Luka.... by bike!

While Walter and Vittorio where travelling from Bihać to Zagreb, Michael, Marjana, Tihomir and twelve others where traveling from Banja Luka to Martin Brod... where they got to eat the Italian-Bosnian bread for dinner!

The eco-bike tour made this stop especially to support our responsible tourism project, while cycling down the Una, Sana and Vrbas valleys to celebrate Earth Day with the slogan "change your habits!".

I loved it that I managed to give them this particular bread to go along with the village's fish and cheese and rakija, also because our travelling bread nakers spend a good part of their stop here to see me prepare the whole thing from house to house - backstage!

But the sweetest little detail was then, at dinner, it turned out that Tihomir... already knew about the Pasta Madre project! "Berenger told me, she's seen it on the internet" (* Berenger being a French girl working in Banja Luka, who joined the bike tour later). So we added a micro ceremony of splitting a bit of pasta madre off my portion and handing it to Tihomir, all this under Tito's portrait. There is a photo, obviously, but I have to wait for the bike group to arrive in Banja Luka to get it...

Anyway, like Bosnian rivers, the project is already branching in different directions...